mercoledì 29 gennaio 2014

Pescara, "l'area di risulta deve ospitare un polmone verde"

Si è tenuta stamane, presso il Palazzo di Città a Pescara, la conferenza stampa del coordinamento comunale di Sinistra Ecologia Libertà Pescara, sulle questioni legate all'area di risulta e alla pedonalizzazione di Corso Vittorio. Erano presenti Roberto Ettorre, coordinatore comunale Sel Pescara e Giovanni Di Iacovo consigliere comunale Sel. Ecco quanto hanno affermato i due:"Le recenti azioni della giunta Mascia indirizzate alla creazione di una zona pedonalizzata in Corso Vittorio Emanuele vanno inquadrate in un'altra ottica oltre che quella manifestata da Confcommercio e le contestazioni motivate da una ricaduta negativa sulle attività commerciali della  zona interessata.Una ben diversa constatazione si rende necessaria, poiché riguarda la salute dei pescaresi, alla luce di numerose rilevazioni circa l'inquinamento cittadino, altissimo in questo periodo dell'anno e alla luce del rapporto allarmante pubblicato dall'agenzia sanitaria regionale. Ben prima di ragionare sulle pedonalizzazioni e sulle conseguenti ricadute sulla viabilità bisogna pensare alla salute – sì, alla salute – dei  cittadini, fin troppo trascurata da questa amministrazione, le cui domeniche ecologiche e giovedì senz'auto non risolvono affatto il problema della concentrazione delle micropolveri (che ricordiamo hanno una incidenza diretta su malattie polmonari e patologie ancora più gravi).  Il convogliare il traffico veicolare sull'area di risulta sposta il problema dell'inquinamento e del traffico su un'altra zona, peraltro di pochi metri, ovvero su una zona che se gestita in maniera intelligente e responsabile, aiuterebbe in modo massivo al risanamento dell'aria cittadina.  L'area di risulta deve ospitare un polmone verde, questa è la vocazione di quell'area, una vocazione che può essere perfettamente compatibile con l'esigenza di posti auto. Verde e parcheggi interrati possono coesistere, ma è necessario smettere di temporeggiare e affrontare definitivamente il tema della riqualificazione di quest'area.  Non occorre essere ambientalisti o scienziati per sapere che piante alberi e terreno sono in grado di catturare le tante sostenze nocive sospese nell'aria di una città e restituire ossigeno. Detto in termini semplicissimi: l'inquinamento fa bene al verde e al terreno e il verde e il terreno fanno bene all'aria che respiriamo.  Dunque SEL intende inaugurare un'azione progettuale sull'area di risulta che conduca alla creazione di verde urbano e opporsi a qualsiasi operazione, compresa la pedonalizzazione di quel tratto di Corso Vittorio Emanuele, che sposti, senza risolvere, il traffico veicolare in una zona che deve ospitare un polmone verde, l'unico in grado di salvare letteralmente la vita della città di Pescara".

Nessun commento:

Posta un commento