venerdì 6 novembre 2015

L’Orchestra Sinfonica Abruzzese alla Settantesima Stagione della Barattelli. In programma pagine celebri come il Concerto per violino e orchestra di Čajkovsij e l’Ottava Sinfonia di Beethoven con la direzione di Carlo Rizzari e la violinista Alexandra Conunova

L’AQUILA. Nella settantesima stagione della Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli” non poteva mancare l’appuntamento con l’Orchestra Sinfonica Abruzzese: un concerto atteso, realizzato grazie all’unione delle forze organizzative e produttive dei due enti.
Con l'Orchestra Sinfonica Abruzzese si sarebbe dovuto realizzare il concerto inaugurale della stagione della Barattelli, lo scorso 11 ottobre, ma l'occasione era stata rinviata per la sospensione dell'attività dell'orchestra a causa delle note vicende sui finanziamenti regionali. 
All’Auditorium “Gen. S. Florio” della Scuola Guardia di Finanza, sabato 7 novembre con inizio alle ore 18 l’Orchestra si esibisce sotto la bacchetta di Carlo Rizzari, direttore che vanta attività con importanti orchestre europee, attualmente direttore assistente del M° Antonio Pappano all'Accademia Nazionale di Santa Cecilia.
Il programma musicale è accattivante e invitante, offrendo pagine celebri del repertorio. 
Infatti si inizia con la Ouverture dell'ultima opera italiana di Mozart, “La Clemenza di Tito”, caratterizzata da un sinfonismo solenne, dettato dall'ambientazione "imperiale" dell'opera, già proiettato verso l’Ottocento di Cherubini e Beethoven. Sul palco, poi, per la prima volta a L’Aquila, la giovane violinista Alexandra Conunova, interprete di talento e di raffinata arte esecutiva, vincitrice nel 2012 del prestigioso Concorso Internazionale intitolato a Joseph Joachim nella città di Hannover, si cimenta in una delle pagine più belle e celebri del repertorio violinistico: il Concerto in Re Magg. di Čajkovsij.
Ultimo brano in programma è l’Ottava Sinfonia di Beethoven, opera della maturità che però, grazie al carattere brillante e vivace, alla leggerezza, al gioco ritmico e alla preziosa strumentazione, si ricollega spiritualmente agli slanci del primo Beethoven.
Nello stesso giorno di Sabato 7 novembre, la mattina alle ore 11 presso il Ridotto del Teatro Comunale avrà luogo una prova generale pubblica del concerto.

Ingresso (per i non abbonati):10 euro intero, 5 euro ridotto.

Nessun commento:

Posta un commento