lunedì 13 febbraio 2012

UMORI POPOLARI

Noto che il vaffanculismo nei confronti del sindaco di Vasto prolifera nei bog locali. Che dire? Il popolo vuole sfogarsi, e lo fa coram populo, appunto, con tanto di firma. La verità è che siamo tutti insoddisfatti di questa politica e di questo modo di amministrare la cosa pubblica. Il primo cittadino parla, per altro verso e sotto un altro aspetto, di cattiva stampa: sbaglia. Sbaglia perché è abituato ad una stampa asservita, ha nostalgia del bel tempo che fu, quando il cronista era molto più addomesticabile. Io, personalmente, non gli farò sconti. Ho appena cominciato.

3 commenti:

  1. nicolangelodadamo13 febbraio 2012 18:19

    Confesso di essere cresciuto in un ambiente bigotto, di aver ricevuto una formazione bigotta, di essere stato iscritto ad un partito bigotto, di aver insegnato da bigotto - quanti rimproveri a tanti bravi ragazzi che usavano quell'espressione solo in momenti d'ira, ma si guardavano bene dall' usarlo come intercalare o a mò d'insulto (sarebbe scattata la sospensione!). Poi sono arrivati Beppe Grillo (vi ricordate il "Vaffanculo Day?), il dito medio di Bossi, il vagheggiato "partito della gnocca" di Berlusconi e poi, poi, poi,come torrente in piena, abbiamo sdoganato (quanta fortuna per questo verbo!)tutto quello che un tempo si chiamava turpiloquio e apparteneva solo alle cantine e alla goliardia perchè, si dice, non bastano i termini abusati della critica politica, non si deve più demolire una "politica", governativa o amministrativa, ma dobbiamo demolire l'"uomo". Ne prendo atto e mi consolo con il mio stato di pensionato: fossi ancora in servizio, mi sentirei molto in imbarazzo con il turpiloquio dei miei alunni....
    Con immutato affetto, Nicolangelo D'Adamo.

    RispondiElimina
  2. Un affettuoso saluto a Te, caro Preside.

    RispondiElimina
  3. Hai visto mai caro Nicolangelo che questo "momento" d'ira si sia dilatato e che non se ne possa più? Specie quando certe problematiche vengono segnalate da anni ma nessuno ne prende atto fino poi all'accadimento che porta alla "parolaccia"?
    Pensaci Nicolangelo, pensaci.

    RispondiElimina