giovedì 1 novembre 2012

PESCARA CAPOLUOGO D'ABRUZZO: UBI MAJOR MINOR CESSAT
Vigilia di Halloween amara per il sindaco teatino che torna a casa a mani vuote dopo lo sciopero della fame piu' breve della storia.

Non e' bastato un cartello al collo e saltare un paio di pasti al sindaco di Chieti, per bypassare Pescara nel riordino delle province voluto dal governo. La nuova provincia Pescara-Chieti avra' la citta' adriatica come capoluogo.

''Era prevedibile che la proposta del sindaco teatino non sarebbe stata neanche presa in considerazione dal governo - commenta su Facebook il leader del movimento biancazzurro, Roberto Santuccione, non senza qualche punta di ironia - Non bastano una fascia tricolore e un cartello auto-enfatizzante ne' saltare un paio di pasti per ottenere l'impossibile. La maggior parte dei comuni nell'ormai ''ex'' provincia di Chieti, gia' da tempo chiedono di avere Pescara come punto di riferimento. 

Da oggi Pescara ed il nostro movimento, potranno contare su un ulteriore supporto, dopo quello dei molisani e dei marsicani gia' ampiamente consolidato, per la riorganizzazione dell'intera regione dopo la prossima tornata elettorale''.



-- 
Pescara Capoluogo d'AbruzzoFacebook: http://www.facebook.com/pescara.capoluogo
Twitter: @PescaraTVB

Nessun commento:

Posta un commento