lunedì 16 gennaio 2017

LA TARANTO CHE NON MI PIACE


Taranto è bellissima. Ma ce la meritiamo?


L’automobilista tarantino medio ha l’abitudine, ed è una pessima abitudine, di strombazzare a suo piacimento, anche di notte. 
Lo fa per svariati motivi: per nervosismo, per salutare, per sollecitare, inutilmente, l’auto-colonna a muoversi. 
La città, in effetti, è molto rumorosa. 
Non basta l’inquinamento che tutti conosciamo, dovendo noi sommare a quello l’acustica. 
E poi l'abitudine di parcheggiare in doppia e in terza fila, per la disperazione di chi vede la propria auto, di ritorno dalle sue faccende, circondata da una muraglia di lamiere. 
E il malcapitato che fa? Strombazza, ovvio. 
Le corsie riservate agli autobus? Sono riservate, sì, ma ai furbi. 
Le strisce pedonali, infine, ma l’elenco sarebbe ancora lungo, fungono da parcheggio. Sulle medesime, mi sembra una violenza senza pari, il pedone non ha guarentigie.   

Giacinto Zappacosta

riproduzione vietata

Nessun commento:

Posta un commento