mercoledì 16 maggio 2012

MERIDIONALI FIGLI DI UN DIO MAGGIORE


Ridateci la Prima Repubblica, con le sue ruberie e con la sua corruzione. Tra una tangente e l’altra, c’era almeno spazio per un interesse superiore rispetto a quello meramente personale ed egoistico, vale a dire la dazione per il partito, per la causa. Per l’ideale, si passi il termine. Tramontate le ideologie, le forti passioni, coinvolgenti e aggreganti, la figura del segretario sbiadisce a favore di quella del tesoriere, lo statuto interno è soppiantato dalle condizioni che regolano il conto corrente e i probi viri stanno praticamente a spasso, perché la morale non esiste più. Prendiamo i Padani, che come noto sono gli abitanti della Padanìa: li immaginavamo superiori antropologicamente, tutto il contrario del farabuttismo democristiano e socialista vigente all’epoca in cui portavamo i calzoni corti e usavamo la crema Nivea come dopo-barba. E invece no, perché li scopriamo del tutto simili a noi, anzi più furbetti di noi; ancora meglio, più pirlotti di noi, tanto da beccarsi un avviso di garanzia del tipo “paghi uno e prendi tre”, tre quanto sono i membri maschi della famiglia Bossi.    

Nessun commento:

Posta un commento